Il senso di Saemec per il divertimento

Certo, i giochi moderni, elaborati e supertecnologici sono molto belli. Ma ci si può divertire anche con molto meno. Questo è il messaggio che manda Paola Comelli, Responsabile editoriale di Saemec, azienda milanese attiva principalmente (ma non solo) nella produzione e commercializzazione di prodotti per bambini realizzati con la carta: libri, libri cartonati, album da colorare, calendari, biglietti e tanto altro ancora.

Paola, che cosa vi aspettavate dalla vostra partecipazione a G! come Giocare?

“Innanzitutto incontrare tanti bambini. E poi far sapere a questi bambini che, per divertirsi, non è sempre necessario avere giochi ipertecnologici e superelaborati”.

Che cosa significa? Che attività avete organizzato all’interno della fiera?

“Ad esempio, abbiamo dotato ogni bambino che si è presentato presso il nostro stand di una coroncina di carta, che doveva solo essere colorata. I bambini sono stati entusiasti: davanti allo stand c’era la fila e in molti hanno dovuto aspettare prima di entrare, mentre chi era già dentro sembrava non volesse più uscire”.

Per concludere, quali sono le novità che avete presentato a G! come Giocare?

“La più grande novità è una tempera solida, che funziona anche senza bisogno di acqua. E poi ci sono alcuni libri per bambini che spiegano ad esempio le doppie, o altre particolarità grammaticali. E poi proponiamo anche altri libri: ne abbiamo uno che insegna ai bambini che ci si può divertire e si può imparare tanto con il riciclo dei materiali”.